top of page

PROTESI SPALLA

Schermata 2022-11-07 alle 10.35_edited.jpg
protesi spalla.png

Le moderne protesi sono state progettate per migliorare la qualità di vita e la mobilità articolare permettendo la ricostruzione dei rapporti tra testa omerale e glena, in presenza di cartilagine usurata da artrosi o da pregressi traumi

Vengono definite “protesi anatomiche” quelle che riproducono l’anatomia della spalla e richiedono l’integrità della cuffia dei rotatori e si utilizzano pertanto nell’artrosi primaria con cuffia integra.

In presenza di lesioni ampie o massive della cuffia dei rotatori in un quadro d’artrosi, con grave limitazione articolare di spalla, è necessaria una speciale protesi di spalla che non necessita della cuffia dei rotatori per il movimento e viene chiamata "protesi inversa"ed Il cui principio biomeccanico si fonda sulla medializzazione e abbassamento del centro di rotazione che attiva l’azione del muscolo deltoide, che può quindi abdurre il braccio.

Con questo tipo di protesi il risultato sulla riduzione – eliminazione del dolore è sicuramente più prevedibile e riproducibile e viene utilizzata preferibilmente nei pazienti di età superiore a 65 anni.

 

Quanto dura l'intervento chirurgico?
L'intervento chirurgico dura dai 60 ai 90 minuti. La maggior parte dei
pazienti resta in Clinica per 1-2 giorni con inizio della fisioterapia.
 

Che tipo di anestesia viene utilizzata?
Generalmente il paziente viene addormentato il tempo necessario per eseguire l'intervento
 

Quando inizia la riabilitazione?
La riabilitazione inizierà entro 24 ore dall'intervento. La maggior parte dei pazienti inizia a muovere gomito e mano dell'arto operato nell'immediato postoperatorio con l'inizio della fisioterapia passiva di spalla a circa 7-10gg con piccoli “pendolamenti “dell'arto.

bottom of page